Quando ti senti un po’ Nostradamus

Quando ti senti un po’ Nostradamus

➡️ Come avevo previsto, il Divieto della Videosorveglianza sul lavoro batte il Jobs Act  ⬅️

Come avevo previsto nel precedente articolo, ora confermato dalla sentenza della Cassazione numero 51897/16 di questi giorni, è SEMPRE vietato l’utilizzo della videosorveglianza sui lavoratori. 

Schiere di giuristi avevano dato il via libera alle aziende per l’installazione di impianti di videosorveglianza sui luoghi di lavoro senza le preventive (e non automatiche) autorizzazioni dei sindacati o della Direzione Provinciale del Lavoro, dicendo che il nuovo Jobs Act del governo Renzi lo permetteva.

Non sono mai stato d’accordo con chi riteneva questo possibile e mi sono sempre battuto per una attuazione prudenziale di questa normativa molto insidiosa per i datori di lavoro.

Molti giuristi dicevano che si poteva fare.

Io sostenevo che non era da farsi.

E la cassazione ha detto di NO! Dandomi ragione!

Ma allora come posso utilizzare gli impianti di videosorveglianza nella mia azienda?

Te lo dico subito:

Questi impianti possono essere utilizzati SOLO:

▪️ rispettando la normativa privacy
▪️ chiedendo le autorizzazioni ai sindacati o in alternativa alla Direzione Provinciale del Lavoro
▪️ esclusivamente per esigente organizzative e di produzione
▪️ per la sicurezza sul lavoro
▪️ per la tutela del patrimonio aziendale

…ma,

👉 non possono MAI essere utilizzate per il controllo dei dipendenti!

Quindi se hai installato in azienda un impianto di videosorveglianza, sia prima, che dopo l’entrata in vigore del Jobs Act, richiedici un audit Videosorveglianza (controllo di conformità normativo) contattandoci ai recapiti sotto, così da evitare grosse ed inaspettate sanzioni!

Poi non dirmi che non ti avevo avvisato!

👉 Contattaci allo 0510827333 o manda una mail a mail@schmidtconsulting.it

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *