“Ho scaricato tutti i miei dati di Facebook ed è stato un incubo”.

Ti sei mai chiesto come sono effettivamente i tuoi dati?

Una ragazza ha fatto la prova. Nell’articolo, la sua testimonianza.

“A dire il vero, non sono mai stata il tipo di persona che si preoccupa troppo dei propri dati personali online. So che è preoccupante, ma cercare di fare qualcosa al riguardo sembra inutile. Da dove dovremmo iniziare?

Ho 28 anni e ho passato la maggior parte della mia vita online. Ho un account Hotmail da quando avevo 10 anni, il mio primo telefono a 11 e un account Facebook a 16. Devo aver dato via così tante informazioni personali (per non parlare di tutte le imbarazzanti foto da ubriaca che ho pubblicato mentre ero all’università) che è più facile vivere negando e non pensandoci.

Ma quando è venuta fuori la notizia che Facebook aveva trasmesso i dati di un massimo di 87 milioni di membri alla società di consulenza politica Cambridge Analytica a loro insaputa – e che un britannico su 20 avrebbe cancellato i propri account – ho iniziato a chiedermi quante informazioni il social network aveva su di me.

Per la prima volta nella mia vita online, ho deciso di affrontare i miei dati e scaricare tutto ciò che Facebook aveva su di me.

Negli ultimi mesi, il sito ha reso tutto più semplice. Tutto quello che devi fare è andare su “impostazioni” e poi “accedere alle tue informazioni”. Ho scoperto che nei 12 anni in cui sono stata su Facebook, ho raccolto 324 MB di dati. Questo non significava molto per me, finché non ci sono voluti 40 minuti per il download (35 minuti in più rispetto a quanto mi ci sono voluti per scaricare un film di due ore di recente). Facebook sa molto di più su di me di quanto avessi mai immaginato.

Una volta completato il download dei dati, l’ho aperto con trepidazione. Il modo più semplice per farlo è fare clic sulla scheda “indice”, che ha raccolto tutte le informazioni in un formato simile a Facebook. Mostrava la mia foto del profilo e poi diverse schede sotto, elencando tutto, dal profilo, agli amici, alla sicurezza.

Ho iniziato con il profilo e ho visto tutto ciò che mi aspettavo: numero di telefono, data di nascita, istruzione, ecc. È stato strano vedere che Facebook sa esattamente chi sono mia madre, mio ​​fratello e i miei cugini, anche se dovevo essere stata io a farglielo sapere.

Di seguito, ho visto ogni pagina o gruppo che mi sia mai piaciuto, dalle pagine “trova un coinquilino”, a un gruppo dal nome ottimistico di cui non ricordo niente, “RISOLVIAMO IL CREDIT CRUNCH!” C’erano anche una quantità infinita di ‘Telefono smarrito! Nuovi numeri per favore ‘gruppi che le persone erano solite creare alla fine degli anni ’90.

Mentre esaminavo la mia vita nei dati, ero ancora relativamente rilassato su tutto, fino a quando non ho fatto clic sulla scheda “Informazioni di contatto”. È uscito un enorme elenco di nomi e numeri di telefono di persone. Erano tutti contatti che avevo sul mio telefono, ma non tutti sono persone con cui sono amico di Facebook.

Si scopre che una volta devo aver scaricato l’app di Facebook sul mio telefono e averla sincronizzata con i miei contatti telefonici, il che significa che l’app ha praticamente risucchiato tutti i contatti nel mio telefono e li ha fissati in un elenco di contatti. Include numeri che avevo perso anni fa, il che mi fa chiedere se scaricare i tuoi dati diventerà il modo 2018 per ripristinare i numeri persi.

So che è colpa mia per aver permesso a Facebook di sincronizzarsi con il mio telefono tanti anni fa quando ho scaricato l’app per la prima volta, ma mi sembrava ancora davvero strano che Mark Zuckerberg e soci avessero il numero di telefono del mio ginecologo. Forse peggio ancora, inoltre, non è particolarmente utile che ora ho accesso a molti dei numeri di telefono dei miei ex dopo averli deliberatamente cancellati.

Per molte persone, la più grande preoccupazione con i social network che memorizzano i dati personali è come possono essere trasmessi agli inserzionisti. Quindi sono rimasto piacevolmente sorpreso di fare clic sulla scheda “Annunci” e di vedere che solo una manciata di inserzionisti disponeva delle mie informazioni di contatto. E sono tutti quelli che già uso: Airbnb, Spotify, Uber, Deliveroo e Uber Eats (sì, ricevo molti takeaway).

Per me, la scheda più sconcertante è stata la “sicurezza”. Mi ha mostrato che ho disattivato il mio account nel 2010 e nel 2011, e poi ben 15 volte nel 2015 (è stato un anno difficile). Ma poi mi ha mostrato l’indirizzo IP e la data di ogni singola volta che ho effettuato l’accesso a Facebook dal 2009. Questo è stato semplicemente inquietante, soprattutto quando alcune delle informazioni vengono registrate con messaggi come “posizione stimata dedotta dall’IP” – dai quali se ne deduce che hanno monitorato ogni mia mossa da qualsiasi luogo in cui ho effettuato l’accesso.

Ciò significa che hanno sempre saputo dove mi trovavo. Ma ecco il punto: ho acconsentito a che lo sapessero. Facebook raccoglie queste informazioni per due motivi: in parte si tratta di sicurezza e si assicura che non ci siano attività insolite sul tuo account, e in parte in modo che possano indirizzarti con le pubblicità giuste. Se non desideri condividere queste informazioni, devi andare alle impostazioni del tuo account e disattivare l’interruttore “posizione”.

Vedere che Facebook ha effettivamente questi dati mi fa chiedere per cosa siano stati usati.

Ho chiesto informazioni al professor Eerke Boiten, esperto di sicurezza informatica alla De Montfort University. Ha spiegato che il problema principale non sono in realtà le informazioni che stiamo “consapevolmente” dando via, come se fornissi a Uber le mie informazioni o, addirittura, i nostri LIKE su Facebook, i cookie che tracciano la nostra navigazione web o Google Maps che registra ogni nostro movimento”. No, per come la vede lui, è fino a che punto siamo tutti “tracciati” in modi difficili da individuare. “È difficile persino essere consapevoli da quanto sia in corso questo monitoraggio”, spiega.

Mentre guardavo il resto dei 324 MB, mi sentivo un po’a disagio per quanto avrei potuto o meno aver dato via. Sembrava tutto composto da foto e video (anche se sono solo quelli che ho caricato, non le centinaia in cui sono stato taggato) e una quantità ridicolmente grande di messaggi privati ​​in nessun ordine. La maggior parte di loro sono così imbarazzanti che non potrei leggerli senza dimenarmi, ma uno mi ha fatto piangere.

Era una conversazione con un amico che è morto due anni fa e avevo completamente dimenticato che avevamo avuto questo scambio su Facebook. L’ultimo messaggio era di me che stavo demolendo i nostri piani e lui diceva: “Nessun problema, fammi sapere quando ti fa comodo”. Non ho mai risposto, e lui è morto un mese dopo. Mi sono sentita assolutamente orribile leggendo tutto questo. Chi vorrebbe che gli si ricordasse del fatto che hanno cancellato i programmi con qualcuno con cui non avrebbero mai più potuto rifarli?

Scaricare i miei dati di Facebook è stata ufficialmente una delle cose più strazianti che abbia mai fatto. Anche fare clic sulla mia cronologia e scorrere indietro fino al 2006, quando ho ottenuto per la prima volta un account a metà del GCSE, è scomodo. Mi ha mostrato come io e le mie amiche chiamavamo ogni ragazza “puttana” e “troia” per sembrare fighe, o per umiliarci a vicenda. Era così imbarazzante che mi ha fatto venire voglia di dare un grande abbraccio ad ogni adolescente e di dire loro che non devono sforzarsi così tanto per essere qualcosa che non sono.

Ho iniziato a chiedermi anche se mi sarebbe piaciuta la me stessa dei 17 anni, che apparentemente era ossessionata da “The OC”, terrorizzata di finire come uno dei personaggi de “Il grande Gatsby” di F Scott Fitzgerald – che vive vite vuote ed edonistiche – e che ha ricevuto messaggi di cordoglio sul profilo quando ha fallito il suo esame di guida.

È stato semplicemente orribile, e non voglio vederlo mai più. Ma poiché Facebook ha gentilmente compilato tutto in una cartella ZIP per me, è qui per sempre. Per quanto inquietante sia il fatto che l’azienda abbia così tanti dati su di me negli anni, è molto più doloroso a livello personale sapere che non potrò mai sfuggire al mio passato.

Anche se ho diari di me adolescente e vecchie foto che sono altrettanto imbarazzanti, questo è peggio. All’epoca ho creato deliberatamente quei ricordi, ma poiché non ho mai capito i caratteri piccoli di Facebook, non avevo idea che stesse creando questa cartella digitale del mio passato umiliante.

La dott.ssa Ilka Gleibs è professore di psicologia sociale presso la London School of Economics. Spiega che è perfettamente naturale che gli utenti di Facebook “si sentano ingannati e alienati” quando leggono di violazioni dei dati, data la gran parte delle nostre storie personali ed emotive che il sito detiene.

La parola “dati” fa sembrare che stiamo parlando di numeri, ma quello di cui stiamo veramente parlando sono le nostre amicizie, le nostre relazioni, i nostri ricordi, i nostri alti e bassi. Quando ho scaricato i “dati”, questo era tutto nero su bianco, e mi ha fatto venire voglia di fare un “Radhika 2015” e cancellare di nuovo il mio Facebook. Ma non ha senso, perché i miei dati sono già lì.

Invece, prometto che d’ora in poi, piuttosto che iscrivermi a nuovi servizi di app tramite Facebook (il che significa che i loro creatori possono quindi accedere ad alcuni dei miei dati di Facebook), lo farò inserendo i miei dettagli per creare un nuovo account manualmente, ogni volta.

Sto anche facendo uno sforzo per essere più consapevole dei dati che le diverse app e organizzazioni stanno prendendo quando faccio rapidamente clic su “Sì” ai loro termini e condizioni in modo da poter ottenere il mio taxi / asporto / acquisti online. Se qualcosa di buono è venuto dallo scandalo Cambridge Analytica, dice Ilka, è che “ha reso le persone consapevoli delle implicazioni dei dati dei social media e di come possono essere utilizzati”.

È un piccolo passo, ma se significa che posso ridurre in qualche modo la mia impronta di dati online, allora vale ufficialmente la pena farlo.” – Radhika Sanghani 21 June 2018

https://www.bbc.co.uk/bbcthree/article/93d1393a-1c12-485f-b7fe-5146cd48c12c?fbclid=IwAR10hsTtMIe2MbnmP9z6U3zRcwKl-zSBVDlSD2yqzBnrrDE-V4Dlj3w2YVU

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest
X
Questo sito utilizza cookies indispensabili per il suo funzionamento. Cliccando Accetta, autorizzi l'uso di tutti i cookies.